Veleno

Scendo i gradini di una segreta accusa
Una statua eretta dalla disperazione
Una scelta non voluta da re troppo vecchi,

L’autostrada corre come un fulmine verso problemi irrisolti
Non conosco gli autisti
Lungo la strada mi sono perso,

Fiabe di mezzanotte per il bambino avvelenato
Resusciterà o morirà una volta per tutte?
Domani il giudizio,

E’ una notte truce quella che aspetta me
Li nel ripostiglio ora è stretto, non posso entrare
Il posto è davvero così diverso?

Soldati pronti alla morte calpestano parole
Parole aspre e già dette
Qualcuno morirà?

Piovono uccelli morti per il troppo freddo
Qualcuno cade infettando l’essere che li ha nutriti
Sono freddi che conosco e a cui sono sopravvissuto,

Tornerà il domani o quello che mi avete promesso?
Ho troppa paura del fantasma adolescente
Troppa paura degli orfani di cuore,

Grida al mondo che esisti anche se io non so farlo
E sarà un altro giorno di pioggia, e mi brucerò il cervello ancora un po’
Dietro le scale, le scale della povertà…un grido

L’altalena ondeggia tra frecce scoccate da cadaveri
Si muore soli di questi tempi
Senza un fiore…