Poesie sull’orizzonte

RACCONTI

Padova
…perché a me piace immaginare la vita come le rotaie di un treno, due rette parallele che non si incontrano mai, una positiva e una negativa: Io mi muovo lì in mezzo, solo, saltando dall’ una all’altra, e osservando all’orizzonte il punto in cui le rette si fondono. Cammino così, per la strada infinita, con tanta voglia di arrivare, ma con la certezza di non farlo mai.
C’è un treno, che un giorno, mi porterà in un posto di sogno…

Comments are closed.