Poesie sull’addìo

Nella notte
…è ancora buio nella mia testa, non mangio pane nero
come dovrei fare, in fondo ho tasche d’addio
e l’indifferenza di cui mi parlavi mi sta guarendo,
poco distante dalla città c’è una studentessa, la distinguo dai capezzoli duri…

La legge delle lacrime
…io li ho conosciuti ma non li ho conosciuti,
giochi inversi fatti di variopinte luci blu
marionette rosse e nere e una caduta per dire addìo a tutto
ma proprio tutto…

Che strano rumore
…e di notte sono freddo,
le gradevoli stanze d’addio
sapere che dentro ci sei, sì, dentro la mia testa
dentro il mio cuore, che fa rima con altrove,
ho distrutto ogni cosa che ti riguardasse…

———————————————————————————-

RACCONTI

Esperienze estreme
…e tutto ciò che era percettibilmente reale scomparve dai miei sensi e mi disse addìo, come un uomo nero che ti saluta dal profondo di un vecchio pozzo.
Non so quanto tempo trascorse…

Comments are closed.