Padrone

§

Segreta sera, segreto fraintendimento
il giorno è perfido con me
e ancora non so Lei dov’è
il giorno ama le segrete accuse, le spia e le regala ai venti
così che arrivino in ogni luogo
così che vadano a chiedere il perdono
il demone sulla spalla
il giorno perfidia
il giorno assoluto
il giorno cicatrice
grandezze cadono ancora e non so le paure se sono
di un grande disegno che è tutto ciò
armatevi draghi, uccidete, uccidete ancora, sono io ad ordinarvelo!
Amate il dissenso
unitevi a tutto questo
a questo niente
sprofonderanno le mie gioie, sarà al di sopra
del segreto
il padre delle bugie
infine io sarò
io sarò colui che mente
o che è mente
saranno lontane da me le sirene ammaliatrici
verranno alla fine del mio perfido stupro
E gli alberi…

Comments are closed.