Bersaglio

§

Ci vorrebbe più felicità nel mondo
ci vorrebbe più tristezza da sciogliere in bustina
ci vorrebbe più bellezza…

la neve che ho visto stamane
si scioglieva al sole
quanto assomiglia a ciò che amo,

le grandi disfatte si perdono nei ricordi
e il niente si colloca nella memoria
la memoria più antica…

ho visto dei sorrisi stamane
li ho visti scivolare via sulla neve
come dolci slitte di Natale,

che strano tremore e che bellissima paura
perché sai, a volte ho paura di perdere tutto questo
in uno strano incubo di carta infiammabile…

In fondo io ho un tetto
in fondo io ho amore
mi pice mentire così…per dire…

In realtà non conosco niente di tutto questo
e non conosco l’errore
e conosco me, che perdita di tempo che sono…

Ho una faccia asciutta
ho delle mani di serpente
e in realtà non ho niente!

Distinguo le parole a seconda degli sbagli del cuore
distinguo le donne a seconda degli sbagli del cuore
forse la distinzione mi fa perdere ciò che è amore

quando dicevi che non conosco l’amore avevi ragione
io, il poeta, io, il senza cuore , io, il provocatore
magari per far ridere i polli…

E giunge alla fine della giornata il risultato
che strana voraggine è apprendere di esso
ricordi quando dicevi “che bravo ragazzo mamma, prometteva tanto”?

Come mi hanno segnato quelle parole,
mi hanno letteralmente distrutto
e come mi hanno fatto rialzare,

spara, spara ancora…e ancora…sul bersaglio…

Comments are closed.