Apritevi idioti!

§

Apritevi idioti!

Spalancate gli occhi!
Perché il tempo più tremendo
è quello dei folli.

Sorridete, saltate,
gioite, ballate
tra furgoni di metallo

e discoteche di sballo

Il cielo scoppia in mille cristalli celesti
che scritti in parole tagliano senza dolore.
Tu chi sei? Io non ti conosco,

abbasso lo sguardo e mi faccio losco.
Tu chi sei? Mi guardo allo specchio
ma ciò che vedo è orbo di un occhio,

un occhio lacerato
doloroso e cambiato;

un occhio vigile e attento
pigro, e nutrito da spavento.

Chi sono? Chi siete? Parole cambiate.
Si ha fame? Si ha sete? Parole ammazzate.

E bambini con cervelli ghiacciati
davanti a un vetro elettrico
prendono il colore della corrente,

che è niente.

Apritevi idioti!

Non diventate orchi.
Perché il tempo tremendo
è divorato da chi chiude gli occhi.

Comments are closed.