Ali

§

Le paure adolescenziali si asciugano
su un fazzoletto di carta semi mai nati
e ho imparato a mentire…

I grigi sapori, le verdi vallate, tutte un sogno
che va riavvolgendosi
non ne capisco tutte le certezze,

giorni impreziositi dalla bellezza effimera
come la vampata di un accendino scadente
e vedo con i miei la bellezza, la tristezza,

da sbarre troppo consapevoli
che marciscono e provocano irritazioni alla pelle
e apprendo che quando stavo per capire non ho voluto capire…

…mi si sarebbero insozzate le dita, non avrei più potuto scrivere
come fantocci altri scrittori immedesimàti
come travolti da parole troppo perfette…sporche?

Ho visto le strade della città trasformarsi in binari
non aveva importanza il resto, perché ero deragliato con un cranio fracassato
definizione o brutta parola ”milionario”.

Quando ho lasciate le sazie scritture non conoscevo
Il segreto
credevo fosse tutto lì….mi sbagliavo.

Un uccello muore; manca metà poesia…

Comments are closed.